Per conoscere combattere condividere  aiutare
 a vivere meglio e superare gli ostacoli della vita con
 PARKINSONIANI VCO DOMODOSSOLA

Sedi e orari di apertura

             SEDE DI DOMODOSSOLA           
ATTIVITA'--MOTORIA--IDROTERAPIA                     SUPPORTO--PSICOLOGICO                             CONFERENZE--INFORMAZIONI    
VIA CANUTO 12 TEL. 0324482657 

 PER TROVARCI  CLICCA QUI
TUTTI I LUNEDI' H 15.00 H 17.00                       POSTA CERTIFICATA  parkinsonvco@pec.it

 SPORTELLO OMEGNA VERBANIA          
 PER INFORMAZIONI   clicca qui

QUESTA E' UNA MIA OPINIONE FATEMI SAPERE COSA NE PENSATE VOI INVIATE UNA MAIL                                      CLICCANDO QUI


                               

Attenzione alla febbre alta  

 Con l'arrivo dell'estate e il grande caldo le richieste per situazioni critiche, spesso non riconosciute come tali dai familiari e neppure da medici del pronto soccorso, si moltiplicano
La premessa è che il paziente parkinsoniano ha difficoltà ad eliminare in calore ambientale perché, fra l'altro, la sudorazione è ridotta. Tuttavia sotto stimolazione farmacologica i recettori che regolano la temperatura funzionano bene. Quando si effettuano cambiamenti terapeutici o peggio sospensioni improvvise dei farmaci dopaminergici la temperatura corporea può alzarsi, il paziente diventa torpido e rigido, i globuli bianchi e le CPK  si alzano nel sangue. Il paziente con più di 39°C viene spesso portato in pronto soccorso, ma frequentemente, pur visitato con attenzione non presenta segni infettivi. È indispensabile ricominciare la terapia antiparkinson subito, perché in poche ore la condizione del paziente può precipitare.
Attenzione quindi alla febbre alta ,specie quando non ci sono ragioni che 
la giustifichino!

Per una testimonianza, e per l'articolo sul sito www.parkinson.it  

Torna a notizie   >>>

   

arredamento giardino